​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​​  
​​

Finanziamenti garantiti dal Fondo Centrale di Garanzia​

Con la conversione in legge del "Decreto Legge Liquidità n. 23 dell’8 aprile 2020" sono state ampliate le opportunità offerte a sostegno della liquidità delle imprese danneggiate dal COVID-19 e Creval si è attivata prontamente per applicare le novità introdotte e mettere a disposizione di tutte le aziende le seguenti soluzioni per sostenere la continuità aziendale:​

  • A. finanziamento fino a 30.000 euro per PMI e persone fisiche esercenti attività di impresa, arti o professioni
  • B. finanziamento con garanzia massima fino a 5 milioni di euro per PMI e MID Cap fino a 499 dipendenti
  • C. rinegoziazione finanziamenti in essere​
La documentazione specificata potrà essere inoltrata con firma autografa mediante la funzione di scambio documentale in Bancaperta, tramite PEC indirizzata alla Filiale di riferimento o comunicazione al proprio Gestore tramite il form sottostante.

A. Finanziamento fino a 30.000 euro

Questo finanziamento è riservato alle piccole e medie imprese e alle persone fisiche esercenti attività di impresa, arti o professioni la cui attività d'impresa è stata danneggiata dall'emergenza COVID-19

Caratteristiche: 
durata compresa tra 60 e 120​​ mesi con preammortamento non inferiore a 24 mesi
•       importo non superiore a uno dei due seguenti parametri, alternativi tra loro: 
         - il 25% del fatturato 2019
         - il doppio della spesa salariale annua per il 2019 o per l'ultimo anno disponibile
tasso fisso entro i limiti massimi fissati dalla norma
spese d’istruttoria azzerate​​​​​​​​​​​​​
rata mensile
garanzia del Fondo di Garanzia pari al 100% del finanziamento.
per le imprese agricole, di silvicoltura e pesca ​garanzia dell’ente pubblico ISMEA pari al 100% del finanziamento.

Documentazione necessaria per ottenere il finanziamento
Copia del documento di riconoscimento in corso di validità del richiedente il finanziamento
Ultimo bilancio depositato oppure ultima dichiarazione fiscale presentata oppure situazione contabile provvisoria 2019. È​ prevista autodichiarazione per le imprese costituite dal 01.01.2019 in avanti.​
Iscrizione all’Albo o all'Ordine Professionale​

Creval, ricevuta la documentazione completa, invierà comunicazione dell’esito della richiesta di norma in 7 giorni lavorativi e, comunque, entro un tempo massimo di 14 giorni lavorativi. L’erogazione avverrà entro i 2 giorni lavorativi successivi alla firma del contratto di finanziamento. ​

Per approfondimenti possono essere consultati: 


Finanziamenti concessi fino alla data di entrata in vigore della legge di conversione del Decreto Liquidità

Per i finanziamenti di 25.000 euro concessi alle PMI fino al 6.6.2020 con garanzia del 100% del Fondo Centrale di Garanzia, è prevista la possibilità di richiedere l’allungamento fino alla durata massima prevista di 10 anni o l’incremento di importo fino al massimo di 30.000 euro complessivi.
A tale fine è possibile esercitare una delle seguenti opzioni:
•         Allungamento durata del finanziamento originario
•         Richiesta di finanziamento integrativo
•         Allungamento durata del finanziamento originario e finanziamento integrativo
•         Estinzione del finanziamento originario e richiesta di un finanziamento sostitutivo 

Per maggiori informazioni anche al fine di valutare la soluzione più adeguata alle proprie necessità potrà essere contattato il proprio Gestore tramite il form sottostante​.​​​


B. Finanziamento con garanzia massima fino a 5 milioni di euro

Questo finanziamento è riservato alle aziende fino a 499 dipendenti la cui attività d'impresa è stata danneggiata dall'emergenza COVID-19

Caratteristiche: 
•           durata massima 72 mesi 
•           importo non superiore a uno dei tre seguenti parametri, alternativi tra loro: 
            - il 25% del fatturato 2019
            - il doppio della spesa salariale annua per il 2019 o per l'ultimo anno disponibile
            - il fabbisogno per costi del capitale di esercizio e per costi di investimento nei successivi 18 mesi, nel caso di piccole e medie imprese,
               e nei successivi 12 mesi, nel caso di imprese con numero di dipendenti inferiori a 500. In questo caso servirà apposita autocertificazione​
•           tasso definito da spread agevolati
•           rata mensile, trimestrale o semestrale
•           garanzia del Fondo di Garanzia pari al 90% del finanziamento.

Documentazione necessaria per ottenere il finanziamento:
Allegato 4 (Modulo per la richiesta di garanzia sul finanziamento)
Copia del documento di riconoscimento in corso di validità del legale rappresentante firmatario
Per le società di capitali ultimi due bilanci approvatie, ove presenti, depositati in CCIAA, per le società di persone ultime due dichiarazioni dei redditi
Eventuale autodichiarazione su fabbisogno costi capitale d’esercizio e costi di investimento
Relazione di accompagnamento alla richiesta di concessione


C. Rinegoziazione finanziamenti in essere

Per tutte le aziende PMI ​è possibile accedere alla garanzia del Fondo di Garanzia, con copertura dell’80% del finanziamento, per operazioni di rinegoziazione di finanziamenti a medio lungo termine in scadenza e/o consolidamento passività a b/termine sia garantite MCC che non garantite (in quest’ultimo caso con incremento della linea di credito da consolidare di almeno il 25%)

Documentazione necessaria per ottenere il finanziamento:
Allegato 4​ (Modulo per la richiesta di garanzia sul finanziamento)
Copia del documento di riconoscimento in corso di validità del legale rappresentante firmatario
Per le società di capitali, ultimi due bilanci approvatie, ove presenti, depositati in CCIAA, per le società di persone ultime due dichiarazioni dei redditi
Eventuale autodichiarazione su fabbisogno costi capitale d’esercizio e costi di investimento
Relazione di accompagnamento alla richiesta di concessione

Per approfondimenti possono essere consultati:


Finanziamento garantito da Sace​​ 

Questo finanziamento è destinato alle imprese fino a 5.000 dipendenti con sede legale in Italia.

Caratteristiche generali: 
Il mutuo con garanzia SACE ai sensi del Decreto Legge 8 aprile 2020 n. 23 (c.d. “Decreto Liquidità”) è un finanziamento chirografario garantito da SACE e controgarantito dallo Stato, destinato a qualsiasi tipologia di impresa diversa da banche e altri soggetti autorizzati all’esercizio del credito in possesso dei seguenti requisiti:

1. sede legale in Italia;

2. non identificate come aziende in difficoltà al 31 dicembre 2019 ai sensi dei regolamenti Europei, e che, alla data del 29 febbraio 2020, non risultavano segnalate tra le esposizioni deteriorate come rilevabili dal soggetto finanziatore, ma che hanno affrontato o che si sono trovate in una situazione di difficoltà a seguito dell’epidemia di Covid-19;

3. in caso di piccole e medie imprese, come definite dalla Raccomandazione della Commissione europea n. 2003/361/CE, che abbiano, per quelle ammissibili alla garanzia del Fondo di cui all’articolo 2, comma 100, lettera a), della legge 23 dicembre 1996, n. 662, pienamente utilizzato la loro capacità di accesso al Fondo di Garanzia per le Pmi o, per le imprese agricole alla garanzia di Ismea;

4. che non controllino o non siano controllate da una società residente in un paese o in un territorio non cooperativo a fini fiscali (tale condizione non si applica se l’Impresa Beneficiaria dimostri che il soggetto non residente svolge un'attività economica effettiva, mediante l'impiego di personale, attrezzature, attivi e locali.

L’importo massimo garantibile e la percentuale di copertura della garanzia (pari al 70, 80 o 90% dell’importo del finanziamento) variano a seconda della dimensione dell’impresa. Ai fini dell’individuazione del limite massimo di importo agevolabile, concorrono inoltre gli eventuali ulteriori finanziamenti assistiti da Garanzia Italia nonché quelli concessi nell’ambito delle misure messe in atto per il Covid-19 (Fondo Centrale di Garanzia), e le garanzie rilasciate da ISMEA.
Il finanziamento, di durata massima 72 mesi comprensivo di un periodo di preammortamento massimo fino a 36 mesi, è caratterizzato da una quota capitale costante ed è finalizzato a sostenere costi del personale, costi relativi a canoni di locazione o di affitto di ramo d’azienda, investimenti (escluse le acquisizioni di partecipazioni societarie) o capitale circolante per stabilimenti produttivi e attività imprenditoriali localizzati in Italia oppure, per un importo massimo pari al 20% del finanziamento, al pagamento di rate di finanziamenti, scadute o in scadenza nel periodo tra il 1° marzo 2020 ed il 31 dicembre 2020. Non sono ammesse operazioni di rifinanziamento.
L’importo del prestito non potrà superare il più altro tra:
- il 25% del fatturato in Italia del 2019 come risultante dal Bilancio ovvero dalla dichiarazione fiscale
- il doppio del costo annuale del personale in Italia per il 2019 ovvero da dati certificati se l’impresa non ha approvato il Bilancio.
L’impresa rimborsa il mutuo, secondo quando previsto dal contratto, con il pagamento periodico di rate trimestrali, comprensive di capitale e interessi, secondo la tipologia di tasso scelto (fisso o variabile).
Le commissioni applicate dalla banca al finanziamento sono limitate al recupero dei costi sostenuti dalla banca.
L’impresa è tenuta al pagamento tramite la Banca delle commissioni annue spettanti a Sace per il rilascio della garanzia.​
Il finanziamento è erogato su un conto corrente intestato all’impresa richiedente e dedicato esclusivamente alla gestione dei flussi monetari del finanziamento.

Focus:

a) Durata, importo, rata:
- durata massima di 72 mesi, comprensiva di un preammortamento di massimo 36 mesi, e piano di ammortamento “italiano” con quota di capitale costante
- importo non superiore a uno dei tre seguenti parametri, alternativi tra loro: 
• il 25% del fatturato 2019
• il doppio della spesa salariale annua per il 2019 o per l'ultimo anno disponibile
- rata trimestrale 

b) Finalità del finanziamento:
- costi del personale
- costi relativi a canoni di locazione o di affitto di ramo d’azienda
- investimenti (escluse le acquisizioni di partecipazioni societarie) o capitale circolante per stabilimenti produttivi e attività imprenditoriali localizzati in Italia
- pagamento di rate di finanziamenti, scadute o in scadenza nel periodo tra il 1° marzo 2020 ed il 31 dicembre 2020, per un importo massimo pari al 20% del finanziamento
Non sono ammesse operazioni di rifinanziamento.

c) La garanzia copre:
- il 90% dell’importo del finanziamento per imprese con meno di 5000 dipendenti in Italia e valore del fatturato fino a 1,5 miliardi di euro alla data di richiesta del finanziamento; 
- l’80% dell’importo del finanziamento per imprese con valore del fatturato tra 1,5 e 5 miliardi di euro o con più di 5000 dipendenti in Italia alla data di richiesta del finanziamento;
- il 70% dell’importo del finanziamento per imprese con valore del fatturato superiore a 5 miliardi di euro alla data di richiesta del finanziamento.

Per approfondimenti possono essere consultati:


Per la documentazione necessaria, personalizzata in base alla tipologia di operazione, le modalità di presentazione della stessa e ulteriori maggiori informazioni invitiamo a contattare il proprio Gestore tramite il form sottostante​.​​​
Finanziamento anticipo cassa integrazione guadagni (CIG)

Creval offre alle imprese che hanno anticipato ai propri dipendenti gli importi relativi alla Cassa Integrazione Guadagni, in attesa del pagamento da parte di INPS, di richiedere un finanziamento a 6 mesi a tasso fisso con rimborso del capitale in un’unica soluzione e con importo proporzionale al totale delle anticipazioni riconosciute ai dipendenti  
 
Per maggiori informazioni la invitiamo a contattare il proprio Gestore tramite il form sottostante​.​​​

Per approfondimenti può essere consultato il ​​​Foglio Informativo del prodotto di finanziamento “Motore Impresa”​​​​​

​​​​


Sospensione rata finanziamenti/rinvio scadenza affidamenti ai sensi del Decreto "Cura Italia"

Consente alle piccole e medie imprese di richiedere la sospensione del pagamento di rate/canoni leasing (quota capitale e interessi o solo quota capitale), la proroga dei prestiti non rateali e la non revocabilità degli importi accordati dalla banca come fidi a revoca fino al 30.09.2020.

Per accedere alla moratoria l'impresa deve:

  • aver subito in via temporanea carenze di liquidità quale conseguenza diretta dell'epidemia da COVID-19;
  • al 17 marzo 2020 essere classificata come "in bonis", ovvero non avere posizioni debitorie classificate come deteriorate. In particolare, non deve avere rate scadute (ossia non pagate o pagate solo parzialmente) da più di 90 giorni.

La moratoria del Cura Italia è operativa dal 17 marzo 2020. Le rate scadute e non pagate prima del 17.03 non possono essere computate nell'ambito della sospensione.​

È possibile scaricare la domanda a questo link Modello Cura Italia
La documentazione specificata potrà essere inoltrata con firma autografa mediante la funzione di scambio documentale in Bancaperta, tramite PEC indirizzata alla Filiale di riferimento o comunicazione al proprio Gestore tramite il form sottostante.

​Creval ricevuta la documentazione completa invierà comunicazione dell’esito della richiesta di norma in 3 giorni lavorativi e, comunque, entro un tempo massimo di 6 giorni lavorativi.


Per approfondimenti possono essere consultati:

​​​​
Sospensione quota capitale finanziamenti

Creval mette a disposizione della propria clientela la possibilità di richiedere la sospensione fino a massimo 12 mesi del pagamento della quota capitale delle rate dei finanziamenti di durata superiore a 18 mesi riferiti all'attività professionale. La sospensione potrà essere di massimo 6 mesi per i mutui chirografari con durata fino a 18 mesi.

Se l'impresa è una PMI (meno di 250 dipendenti e fatturato fino a 50 milioni di euro o totale attivo di bilancio fino a 43 milioni di euro) e il finanziamento:

  • ha una durata originaria maggiore di 18 mesi
  • è stato stipulato prima del 31/01/2020
  • non ha già fruito negli ultimi 24 mesi della sospensione o allungamento ai sensi dell'Accordo per il Credito, 

il modulo per richiedere la sospensione è scaricabile al seguente link.

Se il finanziamento non risponde alle caratteristiche qui sopra, occorre compilare il modulo al seguente link

La documentazione specificata potrà essere inoltrata con firma autografa mediante la funzione di scambio documentale in Bancaperta, tramite PEC indirizzata alla Filiale di riferimento o comunicazione al proprio Gestore tramite il form sottostante​.​​​

Per approfondimenti può essere consultata la sezione:​


Invia la tua richiesta​
​Accedi a Bancaperta da web o da APP e inviaci la tua richiesta tramite la nuova funzione dedicata
Se invece non disponi del servizio Bancaperta inviaci la tua richiesta compilando questo form
​​Per eventuali richieste di approfondimento normativo è possibile scrivere all’indirizzo​ moratoria@creval.it​​​​​​
​​