Ignora comandi barra multifunzione
Torna a contenuto principale
Homepage > Attività sociali e benefiche > Beneficienza prova

La beneficenza

​​​​​​​​​​​

​La Fondazione Gruppo Credito Valtellinese si occupa anche del coordinamento della programmazione, realizzazion​e, gestione e verifica delle iniziative nel sociale ed in particolare dell'erogazione dei contributi di beneficenza per conto di tutte le banche del Gruppo. Le richieste di contributo di beneficenza devono rispettare i seguenti principi generali, derivanti dallo scopo statutario della Fondazione di promuovere e sostenere iniziative finalizzate al progresso culturale, scientifico, sociale, socio-economico e morale del territorio nazionale italiano: 
  • il richiedente deve essere un ente, associazione, organizzazione di volontariato o istituzione privata, di matrice religiosa o laica, o un ente ecclesiastico avente sede nel territorio italiano, con prevalente riferimento alle zone dove opera il Gruppo;
  • il richiedente deve svolgere attività senza fine di lucro di natura socio-assistenziale, socio-sanitaria, culturale, educativa, sociale, ambientale, di religione e di culto o di ricerca scientifica; 
  • il contributo può essere richiesto come sostegno all'attività complessiva svolta dal richiedente oppure con riferimento a specifici progetti. E' previsto comunque un unico contributo ordinario erogabile in corso d'anno allo stesso richiedente, fermo restando che eventuali richieste di carattere straordinario dovranno essere esaminate volta per volta;
  • le aree di intervento riguardano, a titolo esemplificativo, i servizi alla persona, l'assistenza alle categorie disagiate, emarginate e alle popolazioni più povere e bisognose (anche all'estero tramite le missioni), l'attività culturale e artistica, l'orientamento scolastico e professionale, la formazione anche di natura religiosa, la valorizzazione della natura e dell'ambiente, la tutela, valorizzazione e difesa del patrimonio artistico e storico; 
  • le iniziative promosse da Enti Pubblici e da enti a questi collegati (ad. es. pro-loco, biblioteche, scuole e case di riposo comunali, ecc.) non potranno essere accolte.
Le richieste, redatte su carta libera, possono essere presentate alla filiale della banca territoriale competente per territorio o direttamente alla sede della Fondazione, e corredate della documentazione necessaria per la valutazione dell'iniziativa o dell'attività per la quale si presenta. Le richieste verranno sottoposte periodicamente alla valutazione degli organi deliberanti e l'esito verrà comunicato con lettera. ​​​Le domande devono essere corredate dalla dichiarazione per richiesta di beneficenza (mod. LET309​​), debitamente timbrata e sottoscritta dal legale rappresentante o da soggetto autorizzato, e dai documenti richiesti.​​