Ignora comandi barra multifunzione
Torna a contenuto principale
Homepage > Eventi ed iniziative > Spettacolo tratto da “Gli uccelli” di Aristofane

EventiCommerciale

Sondrio, Teatro Sociale, lunedì 10 aprile 2017 - martedì 11 aprile 2017

Spettacolo tratto da “Gli uccelli” di Aristofane

Progetto Teatro Incontro – X edizione

Lunedì 10 aprile ore 10.30 matinée per le scuole – ore 20.30 spettacolo aperto al pubblico.

Martedì 11 aprile ore 10.30 matinée per le scuole – ore 20.30 spettacolo aperto al pubblico con ingresso gratuito.​

Teatro Incontro festeggia i suoi primi 10 anni mettendo in scena, lunedì 10 e martedì 11 aprile presso il Teatro sociale di Sondrio, un libero adattamento della commedia "Gli uccelli" di Aristofane.  Gli attori saranno i 160 ragazzi e ragazze delle scuole secondarie di secondo grado di tutta la provincia che, da ottobre 2016 ad aprile 2017, hanno partecipato ai laboratori promossi e organizzati da Fondazione Gruppo Credito Valtellinese, Centro di Promozione del Teatro Pedagogico (Rete di Scuole superiori), Associazione Culturale di Promozione Sociale Spartiacque e Centro Servizi Volontariato L.A.VO.P.S.. Inoltre, a partire da quest'anno, I laboratori teatrali di Teatro Incontro sono stati inclusi all'interno del progetto PerFormare cofinanziato da Fondazione Cariplo (tramite Fondazione Pro Valtellina Onlus) oltre che da Fondazione Gruppo Credito Valtellinese per il triennio 2017-19, che vede capofila l'Associazione Alpi in Scena e partner il Comune di Sondrio.

Lo spettacolo finale è una restituzione del percorso svolto dagli studenti e non costituisce l'obiettivo vero del progetto che è quello di un supporto alla crescita valoriale dei giovani.  Nei laboratori i ragazzi hanno analizzato, attraverso gli esercizi di tecniche teatrali, il testo de "Gli uccelli" di Aristofane che presenta la problematica della ricerca continua dell'uomo del mondo perfetto, non corrotto e democratico, un'utopia se si crede di trovarlo all'esterno di noi stessi; hanno appreso che l'importante è invece considerare che ciò può esistere solo cominciando a cambiare la nostra forma mentis, con un impegno personale.

È questo il messaggio che intendono divulgare con lo spettacolo del 10 e 11 aprile.​