Ignora comandi barra multifunzione
Torna a contenuto principale
Homepage > Eventi ed iniziative > “L’isola che non s’arrende (1968-1969)”

EventiCommerciale

Galleria Credito Siciliano, Acireale, venerdì 22 febbraio 2019 - sabato 30 marzo 2019

“L’isola che non s’arrende (1968-1969)”

Foto, filmati e documenti dell'Archivio storico del quotidiano “La Sicilia”

Sede: Galleria Credito Siciliano – Piazza Duomo, 12 - Acireale

Durata mostra: 22 febbraio - 30 marzo 2019

Inaugurazione: giovedì 21 febbraio ore 19.00 Galleria Credito Siciliano

Orari e ingressi: mercoledì-domenica 10:00-12:00/17:00-20:00. Chiuso domenica 3 marzo - INGRESSO LIBERO

Info e prenotazione visite guidate:
Galleria Credito Siciliano, galleriearte@creval.it;www.creval.it
095.600.208

Per ulteriore materiale stampa e interviste:
Sicilian Communication SRL
giorgioromeo@sicilianpost.it
3290798458

La mostra L'Isola che non s'arrende. 1968-1969, a cura della Fondazione Domenico Sanfilippo Editore, sarà visitabile, a ingresso libero, da venerdì 22 febbraio al 30 marzo presso la Galleria Credito Siciliano di Acireale (Palazzo Costa Grimaldi, Piazza Duomo 12).
I giorni di apertura saranno dal mercoledì alla domenica (ore 10:00-12:00/17:00-20:00), esclusa domenica 3 marzo.
Per la prima volta la mostra renderà fruibili 69 foto dell’archivio fotografico del quotidiano “La Sicilia”, 2 video-interviste ai protagonisti di quegli anni, pagine storiche del
quotidiano catanese e numerosi cimeli, che consentiranno al visitatore una piena immersione negli anni del “Grande Cambiamento”.
Il percorso espositivo intende documentare il biennio ’68-’69 in Sicilia con una prospettiva inedita e attraverso tre aree tematiche. Una prima sala è dedicata al violento terremoto che nella notte tra il 14 e il 15 gennaio scosse la Valle del Belìce, provocando 231 morti e circa 600 feriti. La testimonianza dello storico inviato de “La Sicilia” Tony Zermo, tra i primi a raggiungere l’area devastata dal terremoto, e gli scatti dei fotoreporter che si susseguirono in quelle difficili settimane affiancando lo stesso Zermo e Candido Cannavò, altro grande inviato de “La Sicilia”, costituiscono un prezioso materiale per la memoria collettiva.
Una seconda sala è dedicata alla contestazione studentesca: accanto alle foto dell’occupazione di Palazzo Centrale a Catania il 29 febbraio 1968, che diede inizio all’autunno caldo etneo, 7 edizioni di “Vent’anni. Il foglio dei giovani” e 2 edizioni di “Sicilia Studenti” testimonieranno l’impegno di quella generazione nel divulgare le proprie idee attraverso la stampa. Ad arricchire la sezione le videointerviste ad Antonio Di Grado, ordinario di Letteratura Italiana presso il Dipartimento di Scienze Umanistiche di Catania e a Don Antonio Giacona, dal 1987 al 2017 missionario in Cile e docente dell’Università Cattolica di Santiago.
Entrambi nel ’68 aderirono alla proposta di Gioventù Studentesca, dedicandosi all’attività del dopo-scuola nel quartiere di San Cristoforo e denunciando la situazione di povertà e analfabetismo del rione popolare in un’inchiesta pubblicata nel 1970 dalla casa editrice Jaca Book: “La missione dietro l’angolo. Un gruppo nel quartiere”.
L’adesione a GS condusse alcuni giovani in Brasile o oltrecortina, come accadde alla prof. Romana Romano, che apre il suo archivio privato, mettendo a disposizione dei visitatori le foto inedite scattate nel 1968 in Cecoslovacchia e in Italia, durante il viaggio di un gruppo di
studenti cechi nel nostro Paese.
L’ultima sezione è riservata ai fatti di Avola del 2 dicembre 1968 che provocarono la morte di due braccianti. L’esposizione è prodotta dalla Fondazione Domenico Sanfilippo editore con l'art consulting della Fondazione Gruppo Credito Valtellinese e in collaborazione con
l’Accademia di Belle Arti di Catania e la Fondazione Oelle.
Sono previste visite guidate e laboratori per le scuole.​